S.P.R.E.A.D. – Intervista all’amministratore Giovanna Palumbo

In occasione del sesto evento di formazione tenutosi a Malta nell’ambito del progetto Erasmus+ KA2 S.P.R.E.A.D – Sharing good Practices for European mobility Activities Development – Giovanna Palumbo, amministratore di Essenia UETP, coordinatore del progetto, è stata intervistata da diverse testate maltesi.

L’intervista è stata l’occasione per raccontare la storia di successo di Giovanna Palumbo, amministratore di Essenia UETP.

Per partecipare all’evento organizzato dai partner maltesi del progetto S.P.R.E.A.D., Giovanna Palumbo è tornata a Malta dopo 11 anni. La prima volta, infatti, era  stata accolta dall’isola come tirocinante del programma Leonardo da Vinci (oggi Erasmus+ Ka1), che le aveva permesso di fare un’esperienza presso l’azienda Demajio Group a La Valletta per quattro mesi. Dopo il suo tirocinio la dottoressa Palumbo è tornata in Italia e ha iniziato a lavorare presso Essenia UETP, prima come tutor degli studenti del progetto Leonardo da Vinci e, successivamente, grazie ai successi raggiunti nel coordinare numerosi progetti, Palumbo è stata nominata manager dell’azienda.

Durante l’intervista si è dato spazio anche alla presentazione degli obiettivi e dei risultati del progetto S.P.R.E.A.D. in riferimento alla diffusione delle buone pratiche nei progetti di mobilità e per sottolineare l’importanza della disseminazione per la buona riuscita di un progetto targato Erasmusplus.

IndependentSunday

LEGGI IL TESTO IN ITALIANO

La settimana di formazione sulla divulgazione dei media dei progetti conferma l’importanza dei progetti Erasmus

“L’uso dei media per aiutarci a comunicare e disseminare i risultati dei nostri progetti europei assicura una vita più lunga al nostro lavoro e può favorire uno scambio di buone pratiche che porti a sinergie forti e significative”.
Lo ha affermato Giovanna Palumbo, amministratore di Essenia UETP, uno dei sei partner di progetto e coordinatore del progetto, che ha recentemente partecipato a un programma di formazione a Malta ospitato da Paragon Europe, partner maltese del consorzio, sulla disseminazione e comunicazione dei risultati ottenuti durante e dopo l’attuazione di specifici progetti dell’UE.

L’incontro di Malta è stato uno dei sei eventi di formazione svolti in vari paesi partner per offrire la formazione e le migliori pratiche ai partner di progetto impegnati nel progetto SPREAD (Condividere buone pratiche per lo sviluppo di attività di mobilità europea) finanziato dal programma Erasmus + (Azione chiave 2).
Il primo seminario di formazione si è tenuto in Italia e ha affrontato il tema della qualità nell’implementazione dei progetti di mobilità europei. A questo hanno fatto seguito la formazione in Portogallo dove si è discusso delle competenze di tutor e mentori nei progetti di mobilità, un seminario sulle problematiche interculturali di progetti internazionali ospitato nel Regno Unito, un altro seminario in Austria su metodologia, validazione e riconoscimento di competenze e un corso sugli strumenti ICT per la gestione di progetti europei in Polonia. Una conferenza finale si terrà a settembre, sempre a Salerno, in Italia.
Palumbo ricorda la sua carriera sia iniziata con un tirocinio a Malta 11 anni fa attraverso il programma Leonardo da Vinci, ora chiamato Erasmus + KA1, attraverso il quale ha lavorato per quattro mesi al Demajo Group di La Valletta. Dopo il suo stage, è tornata in ltalia e ha iniziato a lavorare come tutor per studenti del programma Leonardo da Vinci in Essenia Uetp. Alla fine, dopo il successo del coordinamento di diversi progetti, Palumbo è stata nominato amminisratore della sua azienda.
Essenia è un’organizzazione italiana fondata nel 2005, specializzata nello sviluppo e nell’attuazione di programmi di formazione, corsi e servizi di orientamento professionale per la formazione di tiocini all’interno di aziende italiane ed europee.
“Lavorare al programma Erasmus+ è fonte di orgoglio e di grande ispirazione per me. Mi aiuta ad assistere i nostri studenti nell’andare all’estero, a sperimentare diversi modi di vivere, ad apprezzare le loro competenze trasversali e a lavorare sulle loro competenze professionali, linguistiche e interculturali così che quando tornano nel loro paese natio, hanno più possibilità di trovare lavoro. Questa esperienza a Malta mi ha dotato di competenze molto importanti a livello di intuizioni che trovo molto utile per il mio lavoro e sto già migliorando alcuni dei processi con cui lavoriamo nella mia azienda “, ha aggiunto Palumbo.

Anche Celina Santos ha viaggiato a Malta per il seminario di formazione di Paragon Europe. Santos è il manager di Euroyouth, una piccola organizzazione in Portogallo specializzata nella gestione di progetti di istruzione e formazione per aiutare gli studenti a partecipare al programma Erasms + lavorando in modo collaborativo per lo scambio delle migliori pratiche e sviluppo nell’innovazione.
“Crediamo che la formazione e l’educazione rendano le società più forti e contribuiscano al successo e alla prosperità per salvaguardare l’integrità delle generazioni future. Questi seminari di formazione sono di enorme importanza per noi per imparare dai professionisti su come possiamo massimizzare le nostre risorse per ottenere risultati migliori. Oggi i media sono un’industria estremamente dinamica e dobbiamo lavorare più a stretto contatto, se vogliamo comunicare i benefici dei progetti dell’UE che promuoviamo”, ha concluso Santos.

Sara McGuire, Project manager di Paragon Europe, ha espresso soddisfazione per l’eccellente feedback ricevuto dai partecipanti che si sono recati a Malta per questa settimana di formazione. “La disseminazione nei progetti è sempre una grande sfida per tanti motivi, principalmente perché non siamo operatori media ma manager focalizzati sull’implementazione dei nostri rispettivi progetti, grazie ai giornalisti locali, ai social media e ai promotori delle PR che hanno contribuito con la loro esperienza, abbiamo goduto di una migliore visione su come i media e gli esperti lavorano e collaborano tra loro e questo sicuramente ci aiuterà a garantire risultati più efficaci nel futuro”, ha concluso McGuire.